Laurea magistrale in Informatica. Quali sono gli sbocchi professionali e gli argomenti di studio

Laurea magistrale in Informatica. Quali sono gli sbocchi professionali e gli argomenti di studio

Condividi su

In questo periodo storico sia le imprese che la pubblica amministrazione osservano con attenzione e con particolare interesse i laureati in informatica.

La continua innovazione e le evoluzioni costanti che riguardano il settore fanno si che le opportunità di inserimento di queste figure nel mondo del lavoro siano in aumento.

Questo percorso ti consente di acquisire importanti competenze sulla programmazione, lo sviluppo e l’utilizzo di sistemi informatici sempre più innovativi e al passo con i tempi.

Requisiti di accesso

La laurea magistrale in Informatica LM-18 ha una durata biennale.

A questo corso di studi si accede solo con una laurea di primo livello, una laurea triennale. In quasi tutte le università italiane l’ingresso è libero, non ci sono test vincolanti per l’ammissione. Tuttavia qualche sede universitaria prevede un test di ingresso che ha l’unico scopo di valutare la preparazione iniziale dello studente. Ha una semplice funzione orientativa.

Molti studenti che approdano alla laurea magistrale in informatica hanno già conseguito, per esempio, il titolo triennale in Scienze e Tecnologie Informatiche L-31.  

In genere un po’ tutti i corsi di laurea in informatica si concentrano sullo studio dei principali linguaggi di programmazione attuali, sulla costruzione degli algoritmi e metodi logici e formali. E, ancora, sullo sviluppo e progettazione del software, elaborazione dei segnali e immagini, sistemi informativi e gestione dei dati. Grande importanza viene conferita anche alla comunicazione multimediale e sociale.

Le competenze che acquisirai ti consentiranno di intervenire in tutti i maggiori ambiti del settore informatico tra cui anche il settore delle telecomunicazioni.

Lo scopo è quello di formare dei professionisti in grado di ricoprire ruoli di responsabilità nell’analisi e nella direzione di progetti in ambito sistemi di elaborazione e trasmissione delle informazioni.

Cosa studierai

Le materie che sarai tenuto a studiare rientrano tutte nel settore scientifico disciplinare di Informatica e Sistemi di elaborazione delle informazioni. Il corso di laurea, di solito, prevede un insieme comune di percorsi in cui vengono fornite le competenze di base di matematica e di informatica. La specifiche materie di studio possono variare da ateneo ad ateneo ma, generalmente, il programma di studi verte su materie quali: Analisi matematica, Geometria ed algebra, Programmazione, Calcolatori, Fondamenti matematici per l’informatica. Altre materie di studio possono essere: Probabilità e statistica, Linguaggi di programmazione, Algoritmi e strutture dati, Reti, Sistemi operativi, Reti logiche, Fisica, Databases, Ingegneria del software e Logica computazionale.

Sbocchi professionali

Se sei un vero appassionato di informatica e hai la certezza che il tuo futuro professionale è in questo campo ma non sai ancora su quale specifico ruolo professionale puntare devi sapere che gli sbocchi professionali sono vari.

Di seguito ti elenchiamo i principali:

  • Analisti e progettisti di software
  • Analisti di sistema
  • Specialisti in reti e comunicazioni informatiche
  • Analisti e progettisti di basi dati
  • Amministratori di sistemi
  • Specialisti in sicurezza informatica
  • Analisti e progettisti di applicazioni web
  • Analisti di mercato
  • Specialisti nella commercializzazione nel settore delle tecnologie dell`informazione e della comunicazione

Queste figure possono aspirare a lavorare presso aziende o enti pubblici con mansioni connesse soprattutto al trattamento e alla trasmissione dei dati (Information e Communication Technologies). Oppure presso studi di comunicazione, società di consulenza e presso dipartimenti di Ricerca e Sviluppo.

Le figure più ambite

Come anticipato, di solito i laureati in informatica si dedicano alla gestione dei sistemi informativi sia per imprese private sia per enti pubblici. Potrebbero optare anche per la libera professione occupandosi di assistenza e consulenza. Pare che, oltre alle classiche figure da programmatore, analista e operatore informatico, le professioni su cui i giovani laureati puntano di più attualmente sono il project manager, il database administrator, il web master, e il web designer.

Project manager

Il project manager si occupa della programmazione, dell’avvio e della relativa gestione di tutte le varie fasi di realizzazione di un progetto informatico. Dunque si dedica alla pianificazione del progetto in tutti i suoi dettagli; l’organizzazione del lavoro e, spesso, del team di lavoro e la supervisione e controllo dell’intero progetto.

Database administrator

Ormai la maggior parte delle aziende, di qualsiasi dimensione, si avvalgono di un data base digitale, ed è proprio per questo che i database administrator sono sempre più richiesti. Questa figura ha il compito di installare, configurare e gestire sistemi di archiviazione dei dati. Si occupa anche della manutenzione dei server e controlla le prestazioni del database. É un ruolo di responsabilità anche perché la sua funzione prevede anche la corretta conservazione delle informazioni e la relativa protezione delle stesse. Il database administrator, in genere, collabora a stretto contatto con programmatori e sviluppatori nella progettazione e nella gestione della banca dati rendendo facilmente fruibili le informazioni anche agli utenti che sono autorizzati ad accedere nel database.

Web master

Il web master, invece, si occupa della gestione dei siti web da un punto di vista tecnico. Si occupa di sviluppare e gestire i siti internet per l’azienda per cui lavora. É un tipo di lavoro che comprende varie attività come l’assistenza tecnica in caso di errori del server e il monitoraggio dell’accessibilità al sito.

Web designer

Anche il web designer è un lavoro interessante. Questa figura professionale non si limita a mettere online una pagina web ma cura l’aspetto più strettamente grafico, si preoccupa di verificare il corretto funzionamento del sito e gestisce e la cosiddetta user experience, la qualità della fruibilità del sito per gli utenti.

Molti appassionati di informatica, invece, si dedicano anche alla sicurezza informatica, impegnandosi a dare il loro contributo per combattere gli attacchi hacker sempre più strutturati. Altri ancora lavorano nell’ambito dell’intelligenza artificiale, altro settore in continua evoluzione.

Altre capacità e competenze

É importante che durante il percorso si acquisiscano non solo le competenze tecniche specifiche ma si lavori per affinare anche capacità di auto-apprendimento e di aggiornamento continuo.  Rivestono un ruolo di grande importanza anche le competenze trasversali di tipo comunicativo-relazionale e organizzative. Queste ultime, infatti, aiutano a collaborare con facilità e con la massima efficacia con i principali interlocutori come colleghi di lavoro, altri professionisti ed eventuali clienti e committenti.

Questo tipo di laurea magistrale consente l’accesso ai cosiddetti studi di terzo ciclo, vale a dire dottorati di ricerca, scuole di specializzazione e anche master universitari di secondo livello

E sei hai ancora bisogno di un ulteriore motivo per intraprendere questo percorso devi sapere che i laureati in Informatica, negli ultimi anni, hanno registrato un tasso occupazionale molto elevato e sempre in aumento.

Guarda la scheda video sulla Laurea magistrale in #Informatica

Vuoi saperne di più?


Condividi su
Redazione Optimis