5 buoni motivi per laurearsi in Scienze della Comunicazione. Cosa studierai e quali sono gli sbocchi professionali

5 buoni motivi per laurearsi in Scienze della Comunicazione. Cosa studierai e quali sono gli sbocchi professionali

Condividi su

Negli ultimi anni si fa un gran parlare di comunicazione, in tv, sul web e anche nelle aziende e in numerosi altri ambiti del quotidiano.

D’altronde sappiamo bene che tutti noi comunichiamo costantemente  in vari modi e possiamo trovarci, inconsapevolmente, all’interno di un flusso di comunicazione anche quando non apriamo bocca!

Quale corso di studi scegliere

Il corso di laurea triennale in Scienze della Comunicazione (L-20) consente di approfondire proprio il mare magnum della comunicazione e di acquisire un bagaglio di competenze anche per le nuove professioni, quelle che stanno emergendo in questi ultimi anni caratterizzati da un velocissimo processo di digitalizzazione in tutti i settori ma anche per le professioni che verranno in futuro.

Tra l’altro, nell’era dei social media e in un mondo in cui i cosiddetti influencer spopolano, molti hanno trasformato l’interesse per questi temi in una professione. Questo percorso universitario ti supporta anche nel raggiungimento di un obiettivo del genere, garantendoti le basi per muoverti bene in questo ambito.

Perché scegliere Scienze della comunicazione?

Spesso, nell’immaginario collettivo, questo corso di laurea è sottovalutato o colpito da forti pregiudizi, in realtà offre numerosi vantaggi da diversi punti di vista:

1. Acquisirai le famose e ricercate skills digitali

In base alle statistiche l’Italia pare non distinguersi in Europa per l’alfabetizzazione digitale, purtroppo siamo uno degli ultimi paesi in classifica. E oggi, avere competenze digitali è imprescindibile, qualsiasi lavoro tu decida di fare. Il mercato del lavoro, in generale, richiede necessariamente questo tipo di skills.

E, visto che la comunicazione oggi avviene su Internet, scegliendo questi corso di studi avrai l’opportunità di apprendere strumenti importanti in questa direzione, come ad esempio:

  • Strumenti di marketing
  • Le leggi dei social media e il mondo del web in generale
  • Come funzionano i siti web ed i siti e-commerce
  • La SEO, cioè l’indicizzazione e il posizionamento di siti web nei motori di ricerca

2. Avrai modo di ricoprire nuovi ruoli professionali

Se non ti riconosci nei tradizionali ruoli professionali questo corso di laurea fa al caso tuo!

Si, non devi necessariamente proiettarti nel futuro pensando che una delle poche opportunità è quella di lavorare nel campo del giornalismo, la scelta è molto più ampia di quello che pensi.

Puoi ambire a diventare un digital media manager, un web content manager, un social media manager, un reputation manager e brand manager o un web communication manager. Figure che in realtà esistono da qualche anno ormai, ma rimangono comunque poco conosciute.

Tra l’altro il mercato del lavoro in questo settore è in continua evoluzione e ciò potrebbe aprire sempre nuove opportunità.

3. Potrai scegliere tra i più disparati sbocchi lavorativi

Si, perché Scienze della comunicazione, nonostante i pregiudizi di molti, offre moltissime possibilità di inserimento nel mondo del lavoro.

Oltre a lavorare nella pubblicità come agente oppure come redattore di testi tecnici e pubblicitari o come tecnico del marketing acquisirai le competenze per organizzare eventi, fiere e convegni, potrai buttarti nelle pubbliche relazioni e potrai persino aspirare a lavorare nella pubblica amministrazione come, per esempio, segretario amministrativo e tecnico degli affari generali.

Se, invece, l’ambito che senti più affine a te è quello dell’arte puoi diventare direttore artistico, sceneggiatore o fare carriera nell’organizzazione della produzione radiotelevisiva, cinematografica e teatrale.  Se sogni, invece, di lavorare in ambito aziendale puoi specializzarti nella gestione delle risorse umane. Questo tipo di formazione apre le porte anche a figure più tecniche quali tecnici esperti in applicazioni, tecnici degli apparati audio-video e della ripresa video-cinematografica, tecnici del montaggio o tecnici web. Puoi, inoltre, aspirare a diventare anche educatore professionale oppure un grafico.

E, infine, se c’è un settore che richiede buoni comunicatori per attrarre clienti e viaggiatori è proprio quello del turismo e dell’accoglienza.

Le occasioni professionali negli ultimi anni si sono senza dubbio moltiplicate, basta evitare di percorrere sentieri già battuti dal giornalismo tradizionale. Libero sfogo alla propria creatività, quindi!

4. Potrai contare su una formazione trasversale e degna di nota

Avrai la possibilità di studiare un vasta gamma di materie che ti consentirà di ricevere una formazione trasversale e ad ampio raggio e acquisirai competenze diversificate che ti saranno utili negli ambiti più disparati. Tutto ciò è funzionale all’ingresso nel mercato del lavoro e con una preparazione di questo tipo potrai valutare diverse professioni.

Avrai modo di studiare, per esempio, materie come sociologia generale, sociologia dei processi culturali, scienza politica, glottologia e linguistica, sociologia dei processi economici e del lavoro, economia politica ma anche informatica e storia contemporanea. Altre materie di studio possono essere estetica e filosofia dei linguaggi, letteratura italiana contemporanea e telecomunicazioni.

E, dulcis in fundo…

5. Imparerai a comunicare meglio!

E ne gioverà non solo la tua vita professionale ma anche quella privata visto che avrai accesso ai segreti per una comunicazione efficace ed avrai imparato a padroneggiarne gli strumenti.  Avrai imparato a prendere consapevolezza dei tuoi stili comunicativi, delle dinamiche che si attivano nell’interazione con gli altri individui ed il contesto sociale e potrai contare sicuramente su una marcia in più sul lavoro e nella vita in generale.

Se sei affascinato da questo mondo, allora scienze della comunicazione è il percorso che fa per te!

Scegli tra le numerose sedi universitarie sparse in tutta Italia, puoi trovare un corso in Scienze della comunicazione in varie regione italiane.

Guarda la scheda video in #ScienzedellaComunicazione

Vuoi saperne di più?


Condividi su
Redazione Optimis